Mar Ionio: il telescopio per neutrini capta le voci dei capodogli

capodoglio-300x214Il suo compito è quello di osservare i neutrini ad alta energia dal Cosmo, ma il telescopio KM3NeT non si è lasciato sfuggire l’occasione per ascoltare i segnali dei grandi cetacei. Durante una fase sperimentale del progetto KM3NeT-Italia, la stazione di ascolto sperimentale OnDE, posizionata a 25 km dalle coste di Catania a una profondità di 2.100 metri, grazie a particolari sensori acustici messi a punto dai fisici dei Laboratori Nazionali del Sud (LNS) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ha monitorato il transito dei capodogli nel Mar Ionio. I dati – informa l’INFN in una nota – sono appena stati pubblicati su Plos One.

“I risultati mostrano che nell’area del Golfo di Catania – in precedenza poco studiata – la popolazione di capodogli ha una dimensione compresa tra i 7,5 e i 14 metri, ed è rappresentata soprattutto da femmine adulte o giovani maschi“, afferma Francesco Caruso, biologo dell’Università di Messina, tra gli autori della ricerca. L’analisi dimostra, inoltre, che la distribuzione della taglia degli esemplari, ricavata dallo studio di circa 200 identificazioni, varia anche in funzione dei diversi periodi dell’anno. Continua a leggere

Annunci

Inaugurata sull’Etna la sala Cinesfera: primo simulatore 7D, eruzione virtuale da brividi

Un’esperienza unica al Rifugio Sapienza: inaugurata il 10 maggio la Cinesfera 7D

Cinque minuti di un’esperienza unica nel suo genere, che mette il turista faccia a faccia con il Vulcano, facendogli vivere le suggestioni dell’eruzione. Tutto questo da oggi è possibile, grazie alla nuova sala Cinesfera con simulatore in 7D, allestita all’interno della Stazione di Partenza della Funivia dell’Etna al Rifugio Sapienza (a quota 1900 metri). La sala cinematografica, che è stata inaugurata questa mattina dal dott. Francesco Russo Vinci, amministratore unico della società Funivia dell’Etna, è composta da 42 posti a sedere (e potrà ospitare fino a 1200 persone al giorno).  Movimenti, vibrazioni, rumori, vento, acqua, sensazioni tattili: la nuova sala del progetto “L’altra Etna” è l’unica del genere in Sicilia, la più completa e tecnologica, ed è una delle poche esistenti in Italia così realizzate (sale simili, anche se 5D, sono presenti ad esempio a Gardaland e Mirabilandia).

Eruzione Etna 2 agosto 2014 (9)Qualcosa di simile, cinema 7D, è già stato realizzato negli Emirati Arabi, Arabia Saudita e a Dubai. “Etna Experience” è il film ideato dalla Funivia dell’Etna per la neonata sala 7D ed è stato realizzato da una compagnia catanese: l’idea nasce dalla voglia di creare un cortometraggio a tema, che fosse in grado di simulare un’eruzione vulcania sulla funivia alla presenza dei turisti.  Cosa succede tecnicamente allo spettatore? Le poltrone del cinema oscillano e attorno al turista comincia a crollare tutto. Il protagonista del film, lo stesso turista, prova la sensazione del tentativo di fuga dall’eruzione, grazie a una serie di effetti speciali, creati con il simulatore 7D e vissuti con degli occhiali speciali; quali ad esempio l’effetto neve, le bolle di sapone, gli spruzzi di geyser o acqua.

Catania, lo spettacolo dell'Etna in eruzione sotto la neve. Parossismo nella notte del 23 gennaio durante il cattivo tempo, condito da nevicata finale“Questo cinema nasce dall’esigenza di ampliare l’offerta turistica e dare la possibilità anche a chi per un qualsiasi motivo non potesse salire in quota, come i croceristi che non hanno il tempo per farlo o chi volesse risparmiare qualcosa, di avere una possibilità di coniugare le escursioni e le emozioni che può dare un’eruzione” dichiara il dott. Francesco Russo Vinci, amministratore unico della società Funivia dell’Etna. “È così che è nato questo nuovo pacchetto turistico: un progetto che abbiamo denominato “L’altra Etna” e porterà i turisti a fare un’escursione ai crateri Silvestri e a vivere l’eruzione attraverso questo nuovo cinema, che sposa l’esigenza di proiettare attraverso gli occhiali tridimensionali l’eruzione: il turista avrà la sensazione di essere a contatto con lapilli e magma”.Si apre una nuova pagina del Rifugio Sapienza e della Funivia dell’Etna. Questa parte rappresenta l’aspetto ludico del progetto che è molto ambizioso, degno del luogo in cui è stato organizzato: l’Etna. L’iniziativa della Funivia dell’Etna, che punta ad ampliare l’offerta turistica sul vulcano più importante d’Europa, proporrà a breve un museo tecnologico dell’Etna, che sarà inaugurato in una prima versione statica ad agosto e poi successivamente sarà allestito un museo nella versione dinamico – interattiva. Il turista entrerà in pratica in una grotta e riuscirà a capire tutta la geo-genesi dell’Etna. Un’importante novità è stata annunciata anche per le cabine della funivia, già dotate del gancio per le biciclette: tutto  perché presto sarà avviato anche un progetto per l’allestimento di un “bike park”.

Trivelle, petrolio e ambiente: le mani che si allungano sulle coste siciliane

petrolio_sicilia-300x336di Agnese Tondelli – Fonte: Ambiente Bio

In questi giorni si sta assistendo a un rovente botta e risposta tra associazioni ambientaliste e rappresentanti del governo. In particolare, ci riferiamo alle recenti dichiarazioni rilasciate da Matteo Renzi inerenti lo sfruttamento delle risorse petrolifere del meridione e al contrattacco di Greenpeace.

Il presidente del Consiglio, infatti, in un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, ha affermato: Continua a leggere