IL MISTERO ED IL DESTINO DI ETTORE MAJORANA, IL GENIO DI VIA PANISPERNA – SECONDA PARTE

IL VIAGGIO IN GERMANIA

La piena consapevolezza della situazione della Fisica Atomica e dei suoi progressi Majorana l’ebbe alla fine del gennaio 1933 durante un viaggio in Germania (Lipsia) e Danimarca (Copenaghen) dove, in nove mesi, incontrò i maggiori fisici e scienziati del tempo, specialmente Werner Heisenberg, uno dei più autorevoli ricercatori della Germania nazista, con cui ebbe diversi confronti sulle sue teorie. Fu proprio Heisenberg a confermargli che la scienza era di fatto influenzata dalle spinte dei poteri politico e militare (come a dire, è la nostra interpretazione, che tutti gli studi scientifici dovevano mirare al consolidamento del potere economico delle nazioni forti su quelle più deboli e alla creazione di un’arma in grado di imporre tale dominio con la forza).
Durante il soggiorno in Germania Majorana fu testimone alla presa del potere dei Nazionalsocialisti di Hitler. Mentre la sua opposizione all’utilizzo del nucleare per scopi militari fu sempre netta, non altrettanto si può dire della sua opinione sul regime Nazista. Dalle lettere che egli scrisse ai genitori si legge: Continua a leggere

Annunci

IL MISTERO ED IL DESTINO DI ETTORE MAJORANA, IL GENIO DI VIA PANISPERNA

 

majorana

Ettore Majorana

Ettore Majorana nacque a Catania il 5 Agosto 1906 dall’Ingegnere Fabio Massimo Majorana e dalla moglie Dorina Corso, che costituivano una delle famiglie benestanti della città. Ettore era il quarto di cinque figli e già nei primissimi anni dimostrò un’intelligenza fuori dal comune. Prima ancora di saper leggere riusciva a risolvere calcoli molto complicati come moltiplicazioni, radici quadrate e cubiche: si infilava sotto il tavolo e da li comunicava i risultati esatti. A sette anni era famoso in tutta la Sicilia per le sue rapide vittorie al gioco degli scacchi.
Da un documento redatto dallo stesso Majorana nel 1932 leggiamo che seguì gli studi classici diplomandosi nel 1923; poi gli studi di Ingegneria a Roma e, all’ultimo anno di corso, il passaggio a Fisica dove si laureò nel 1929 sotto Enrico Fermi.
Continua a leggere

Franco Riccio: Se il segno dei tempi è la confusione, vedo alla base di tale confusione, una frattura fra le cose, e le parole, le idee, i segni che le rappresentano

Franco Riccio

Franco Riccio

Intervista al mio ex professore di Filosofia Franco Riccio; finalmente porgo io delle domande a lui !!! 87 anni ed apre un blog, una vera “forza della Natura”.

Sono una sua allieva avrei il piacere di porle alcune domande. Per quanti anni ha insegnato alla Facoltà di Scienze della Formazione a Palermo? Continua a leggere

Sicilia Mondo – Intervista a Liborio Zambito, Presidente della Associazione aderente Sicilia Mondo Canada di Montréal

Liborio Zambito

Liborio Zambito

Nel progetto di servizio, di informazione e di conoscenza alla comunità,  riportiamo l’intervista a Liborio Zambito, da 30 Presidente della Associazione Sicilia Mondo Canada di Montréal e da 26 anni aderente a Sicilia Mondo.

70 anni, nato a Ribera (AG),  da 50 anni a Montréal. Imprenditore  immobiliare,  consigliere comunale nella città di Montréal per  27 anni, Assessore ai  Lavori Pubblici e alla Sicurezza.

A Liborio abbiamo domandato: Come  è vista la situazione italiana in Canada? Continua a leggere

Sicilia Mondo – Intervista a Vincenzo Paradiso, “Siciliano Eccellente” a Oegstgeest (Olanda)

vincenzo paradisoNel progetto di servizio, di informazione e di conoscenza alla comunità,  riportiamo l’intervista a Vincenzo Paradiso, 44 anni, nato a Modica (Ragusa), lavora presso l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con funzioni di pianificazione e controllo di gestione alla sede italiana di Frascati (ESRIN), dopo 9 anni trascorsi presso la sede olandese di Noordwik (ESTEC).

Continua a leggere

Sara Favarò all’Oscar del Mediterraneo al Teatro Savio Palermo

sara favarò

Sara Favarò

Sara Favarò sarà ospite della serata di premiazione dell’Oscar del Mediterraneo che si svolgerà venerdì 8 gennaio, alle ore 20,30, presso il teatro Savio di Palermo. Il premio è organizzato dall’Accademia di Sicilia, nel quadro della sue attività istituzionali.

L’artista, già Accademico di Sicilia, salirà sul palco nella sua veste di cantante e cantastorie popolare, interpretando dei brani molto conosciuti come: “L’amaro caso della baronessa di Carini” e “Notte chiara” di Domenico Modugno. Due dei cavalli di battaglia dell’interprete siciliana che si esibirà accompagnata dal chitarrista Luigi Torretta. Chitarrista che da oltre un quindicennio collabora, assieme ad altri chitarristi di chiara fama, con l’artista e con il quale ha ricevuto lusinghieri riconoscimenti come il premio “Zampogna d’oro”, durante il quale Sara Favarò ha duettato con l’interprete napoletana Lina Satri. Sara Favarò e Luigi Torretta hanno inciso nel 2001, in presa diretta, un CD intitolato “Omaggio a Turiddu Carnevali e a sua madre Francesca Serio”. Continua a leggere

La Associazione “Amici della Città di Vizzini” di Milano celebra i 10 anni di attività

giovanni verga

Giovanni Verga

La Associazione “Amici della Città di Vizzini” di Milano, aderente a Sicilia Mondo,  ha dedicato la ricorrenza dei 10 anni di attività all’illustre concittadino vizzinese Giovanni Verga, drammaturgo verista e fotografo, con un intenso programma culturale di due giorni presso la Palazzina Liberty.

Patron della celebrazione il carismatico Presidente Pippo Garra.

La manifestazione ha avuto inizio con una  Rassegna d’arte, aperta al pubblico,  nella quale sono state esposte 85 foto dello scrittore verista  selezionate tra quelle  appartenenti alla collezione Garra Agosta e 40 dipinti dei pittori di Continua a leggere