Hanno” ucciso” il cuore di Palermo !!!

Hanno “ucciso” il cuore di Palermo…queste parole di sconforto sono state a me rivolte da Filippo Modica, commerciante di articoli per calzature; uno dei proprietari, insieme ad altri, dei più antichi negozi limitrofi a Piazza della Rivoluzione a Palermo; CHE LAMENTA la non cura di chi ci dovrebbe governare e di conseguenza tutelare affinché il commercio    “pulito” possa continuare e non far si che moltissime attività non possano trovare più “ossigeno” per andare avanti. Viva il commercio pulito, forza gente onesta!!!!!! Tanti i commercianti che ho intervistato tutti lamentano la mancanza di rispetto nei loro confronti da parte del Comune che con la odiata ZTL, che limita il traffico anzi lo annulla del tutto in alcune arterie principali di Palermo, non riescono a sbarcare più il ,unario e si indebitano portando le loro attività, loro malgrado,  alla chiusura forzata! Si deve al più presto fare qualcosa altrimenti il commercio del centro storico della   città di Palermo  morirà, già  è in agonia.

Chiara Fici

LIBERA SICILIA AL FIANCO DEL GIUDICE DI MATTEO E DI QUANTI COMBATTONO OGNI GIORNO CON CORAGGIO E ABNEGAZIONE

Libera Sicilia è al fianco del giudice Nino Di Matteo, esprimendogli tutta la sua solidarietà per quanto sta vivendo. Nuove intercettazioni fanno, infatti, ritenere che l’allarme sicurezza per il lavoro e la vita del Pm, che ha in mano il processo sulla presunta trattativa tra Stato e mafia, non sia assolutamente scemato. Si sta, quindi, valutando l’esigenza di un suo trasferimento per motivi di sicurezza.
«Io sto andando avanti. Non so se è la cosa giusta o no, non so se è la cosa che farò per sempre o no
– scrive lo stesso Di Matteo – ma abbiamo messo nel conto fin dall’inizio che la strada sarebbe stata comunque in salita: una strada costellata di insidie, di tranelli, di trappole, di momenti di difficoltà. Ritengo che, nelle storie che stiamo cercando di sviscerare, ci sia la vera ragione delle stragi che hanno fatto piangere tutti gli italiani perbene. Se non si chiariscono definitivamente certe pagine, noi passi in avanti ne faremo pochi e rischiamo anche di portarci come un germe infetto, condizione del presente che potrebbe condizionare il futuro, quello che è successo in passato».
«Tutta Libera Sicilia gli è vicina – afferma Gregorio Porcaro, coordinatore regionale di Libera
Sicilia – così come resta vicina a tutti coloro che lottano ogni giorno contro tutto e contro tutti affinché il futuro della nostra terra possa essere senza mafie e la loro schiera di collusi».
Gilda Sciortino

RIAPRE IL BAR DEL BIVIO. APPUNTAMENTO LI’ DAVANTI PER UN CAFFÈ E PER VERIFICARE LE CONDIZIONI IN CUI E STATO RICONSEGNATO

barIl Bar del Bivio riapre e dà appuntamento alle 10.00 di domani, sabato 7 ottobre, per un caffè condiviso, anche se l’attività non ripartirà proprio in questo fine settimana. Dopo avere trascorso 30 anni della sua vita, 10 dei quali a combattere contro l’usuraio e altri 20 contro il Tribunale, finalmente il Bar del Bivio torna in possesso di Emanuela Alaimo e della sua famiglia, mettendo punto a una fase e cominciandone una nuova di questa lunga e complicata storia, le cui vicissitudini sono state e continuano a essere rocambolesche. Continua a leggere

RISCOSSIONE SICILIA: Serve chiarezza

riscossione-siciliaTra ipoteche non dovute, cartelle esattoriali prescritte,  legge 140 , e compensazioni inesistenti (vedi Sicilia Nazione EU 28/07/2016), falsi Robin Hood sotto mentite spoglie di Amministratori istituzionali, continuano la scalata verso una campagna elettorale a nostro parere ingannevole, negli ultimi giorni siamo stati contattati da diverse persone di ogni ceto sociale con diversi problemi relativi alle  cartelle esattoriali. Le denunce pervenute vanno dalla semplice cartella Continua a leggere

PALERMO (CASO MORI): RITIRATA STRATEGICA DEL P.M.

mario

Mario Mori

Il Procuratore Generale al processo a carico del Generale dei C.C. Mario Mori ed altri nel giudizio di appello (promosso dalla Procura contro la sentenza di assoluzione di primo grado) batte in ritirata.

Nella sua requisitoria dibattimentale ha chiesto l’esclusione dell’aggravante dell’aver commesso il fatto (il preteso favoreggiamento personale) allo scopo di favorire Cosa Nostra.

Non è solo un “ridimensionamento” dell’accusa. Continua a leggere

Multe pazze a Catania, il consigliere Castiglione: “Una politica che non ha alcun senso”

multe1

La denuncia arriva dal capogruppo di Grande Catania, Giuseppe Castiglione, che decide di farsi portavoce di tutti coloro che sono seriamente preoccupati per questa nuova politica fatta di “multe a tappeto”.

Secondo quando dichiarato da Castiglione la nuova politica del comune non è sufficiente per risolvere il problema alla radice, soprattutto se si va a punire chi si trova perfettamente in regola.

Continua a leggere

PALERMO:Lo strano caso dei parcheggi a strisce blu di APCOA parking

Tanti sono i cittadini Palermitani che si chiedono se é normale, umano e democratico aver imposto delle multe chiamate “penali”  per la sosta su normali strade urbane. Per anni ormai la cittadinanza palermitana è in mano ad Apcoa che illegittimamente multa le auto parcheggiate chiamando le multe PENALI di contratto. Adesso i parcheggi di Palermo sono quasi esclusivamente riservati alla multinazionale del monopolio dei parcheggio in aree pubbliche. I primi parcheggi utili dove si può Continua a leggere